Come scegliere il giradischi giusto? La guida rapida e semplice

Ora che ascoltare musica da vinile è una pratica tornata definitivamente in auge, è bene conoscere almeno a grandi linee come scegliere un giradischi adatto alle proprie esigenze. Ecco allora un rapido riepilogo delle informazioni più importanti da conoscere prima di effettuare l'acquisto.

Cosa si deve sapere prima di comprare un giradischi?

Sono diverse le caratteristiche che compongono le performance di un giradischi. Per scegliere un apparecchio piuttosto che un altro non è necessario essere dei grandi esperti, ma è sempre utile tenere a mente parametri come:

  • Velocità di riproduzione: la maggioranza dei giradischi gestisce senza problemi sia i vinili a 33 che a 45 giri; esistono anche i dispositivi capaci di riprodurre i 78 giri;
  • Tipologia di apparecchio: qui la scelta prevede giradischi manuali, semi-automatici o automatici. Con un apparecchio manuale si deve agire direttamente sul braccio, posizionandolo sul disco e alzandolo alla fine della riproduzione; nei semi-automatici, sarà necessario solo posizionare il braccio all'inizio della riproduzione: al termine dei brani, il braccio tornerà al suo posto autonomamente. Infine, un giradischi automatico svolge in autonomia tutte le fasi;
  • Movimento: le due opzioni principali in questo campo sono trazione diretta o a cinghia. Nel primo caso, la velocità di rotazione è costante, mentre nel secondo viene impiegato un elastico che riduce i rumori di fondo. Per altre informazioni, vi rimandiamo al nostro confronto tra giradischi a trazione diretta o a cinghia;
  • Telaio: la scelta ricade tra modelli a telaio rigido o sospeso. Il primo prevede l'utilizzo di legno o plastica, per una struttura che riduce le vibrazioni; un telaio sospeso (o flottante) prevede un corpo con molle in acciaio, per una sorta di sospensione tra la base di appoggio e il telaio dove è collegato il braccio;
  • Braccio: dritto, a S o tangenziale? L'opzione più comune è quella del braccio dritto, ma sono sempre più comuni le soluzioni curvate a S. Il braccio tangenziale, di norma posto sui modelli più costosi, segue il movimento della testina, evitando possibili errori di lettura legati alla curvatura dei solchi;
  • Magnete mobile o bobina mobile: nella maggioranza delle occasioni, la testina di un giradischi può essere a magnete mobile (MM, moving magnet) o a bobina mobile (MC, moving coil). In entrambi i casi, si tratta di testine magnetiche, come si può leggere nel nostro articolo: "Testina Giradischi: come funziona? Quando cambiarla?".

Questi sono solo alcuni dei parametri che è possibile considerare. A essere presi in esame potrebbero essere anche elementi maggiormente legati alle specifiche tecniche, come ad esempio il rapporto tra segnale e rumore. In buona sostanza, si tratta di un dato che indica quanto rumore di sottofondo è lecito attendersi durante la riproduzione. Più è alto il valore e meglio è (generalmente dai 60 dB in su);

Quanto bisogna spendere per un buon giradischi?

Bisogna spendere il giusto, verrebbe da dire. Se si è agli inizi, o non di dispone di un grande budget, potrebbe andare bene anche un modello da € 100. Andando avanti, affinando i propri gusti e diventando più esperti, ci si potrebbe rivolgere ad apparecchi sempre più costosi. Nel catalogo di HiFi Prestige, ad esempio, vengono proposti modelli molto economici come:

Tra i modelli più costosi, invece, troviamo veri e propri gioielli come:

In linea generale, la maggioranza degli appassionati potrebbe rifarsi alla fascia di prezzo che va dai 150 ai 300 euro. Qui si trovano dei modelli di assoluto valore come il Pro-Ject Elemental, modello con trazione a cinghia dal design decisamente originale.

Cosa deve avere un buon giradischi?

Un buon giradischi deve possedere le specifiche adatte alle proprie esigenze. Da caso a caso, quindi, le caratteristiche chiamate in causa potrebbero cambiare. Ecco alcuni possibili spunti di analisi da tenere in considerazione:

  • Se si vuole riversare la propria collezione di vinili in digitale, è bene scegliere un giradischi con porta USB;
  • Chi non ha tempo, voglia o capacità di spesa per collegare un giradischi a un impianto di speaker esterni, potrebbe considerare di scegliere giradischi con casse integrate;
  • Per riprodurre i dischi 78 giri, poco diffusi, sarà necessaria una specifica testina, differente da quella usata per i "tradizionali" 33 e 45 giri.

Insomma, ogni appassionato è un caso a sé, e ciò porta a considerazioni di tipo diverso su cosa debba o non debba avere un buon giradischi.

Come scegliere un giradischi.

Quali sono le migliori marche di giradischi?

Per identificare un criterio legato a come scegliere un giradischi, ci si potrebbe basare semplicemente sulla scelta della casa produttrice. Nel catalogo di giradischi di HiFi Prestige, ad esempio, abbiamo il piacere di proporre apparecchi a marchio:

  • Bergmann
  • Burmester
  • Clearaudio
  • Como Audio
  • Denon
  • Edwards Audio
  • Gold Note
  • JA Michell Engineering
  • Lenco
  • Luxman
  • Magnat
  • Marantz
  • McIntosh
  • Music Hall
  • Pro-Ject
  • Rega
  • Roksan
  • Teac
  • Thorens
  • VPI

Ogni produttore porta con sé un modo tutto personale di intendere il giradischi, e quindi l'ascolto di vinili. Dai design così originali dei Pro-ject ai modelli economici Lenco, dal fascino dei McIntosh all'efficienza dei Marantz, ogni brand presenta particolarità tutte da scoprire.

Cosa sono i giradischi vintage?

I giradischi vintage rientrano in quella grande categoria definibile "giradischi di design". Si tratta cioè di apparecchi che esprimono uno stile estetico ben definito. Nel caso dei giradischi vintage, l'idea è quella di riproporre le fattezze degli apparecchi che andavano in voga nella prima parte del secolo scorso. Tra gli altri marchi, è soprattutto Lenco a proporre soluzioni di questo tipo.

Per altre informazioni su questo argomento, è possibile rifarsi al nostro speciale sui giradischi di design.

Qual è il miglior giradischi in assoluto?

Il miglior giradischi in assoluto è quello che suona bene per i propri gusti, si adatta alla propria capacità di spesa e soddisfa le proprie esigenze. Dal punto di vista oggettivo, è normale che alcuni apparecchi siano migliori di altri. Ciò non significa, però, che siano aderenti alle proprie necessità, che potrebbero essere le più disparate.

Prima di acquistare giradischi di qualsiasi tipo, inoltre, potrebbe essere utile conoscere la storia di questo apparecchio così affascinante. Per farlo, potete leggere il nostro speciale sui migliori giradischi dell'ultimo secolo.

La grande proposta di giradischi di HiFi Prestige

Come visto, ascoltare musica da vinile e scegliere un giradischi vuole dire entrare in un mondo affascinante e ricco di storia. Per qualsiasi dubbio o informazione in merito, siamo sempre disponibili al 335 6672281, oppure all'indirizzo email info@hifirestige.it.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.