Giradischi a trazione diretta o cinghia? Il confronto

Meglio giradischi a trazione diretta o a cinghia? Differenze e caratteristiche

Capire la differenza tra trazione diretta o cinghia è uno dei primi scogli con i quali si deve scontrare chi sceglie di acquistare un giradischi. Capire cosa cambia tra queste due alternative è semplice, come si può vedere da questa tabella:

Giradischi con trazione diretta Giradischi con trasmissione a cinghia
Il disco viene fatto girare da un motore posto immediatamente al di sotto del piatto. Il motore fa girare una cinghia che circonda il piatto.

Effettuata questa prima distinzione basica, è possibile ora approfondire maggiormente le differenze tra i due meccanismi, qual è da preferire e perché.

Cosa significa giradischi a tradizione diretta?

Il giradischi a trazione automatica Lenco L-3808

Il giradischi a tradizione diretta presenta una affascinante dinamica di funzionamento. In buona sostanza, si tratta di un apparecchio dotato di un albero di trasmissione. Questo trasferisce il moto al piatto sul quale si vanno a posare i vinili. Si tratta di un meccanismo piuttosto facile da comprendere, che presenta alcuni vantaggi evidenti:

  • Non sono presenti parti soggette a evidente usura, al contrario di quello che accade nei modelli a cinghia
  • Il motore può ruotare in tutti e due i versi, motivo per il quale è possibile effettuare specifiche operazioni come lo scratching. I giradischi a trazione diretta, per questo motivo, vengono spesso preferiti dai DJ
  • La velocità di rotazione è costante

Il funzionamento di questo tipo di apparecchi, pertanto, offre diversi vantaggi. Tra i modelli più interessanti ci sono quelli Lenco, in particolare il giradischi L-3808. Una unità dotata di uscita USB, testina MM, due velocità di riproduzione e preamplificatore integrato.

Cosa significa giradischi a cinghia?

Project Elemental, giradischi a cinghia

I giradischi con trasmissione a cinghia seguono una strada un po' più tortuosa rispetto a quelli a trazione diretta. In sostanza, l'obiettivo è sempre quello di far ruotare il piatto sul quale si vanno a poggiare i dischi. Il risultato - ovvero il movimento del supporto - viene raggiunto però in maniera differente.

In questi apparecchi, il piatto viene circondato da una cinghia, che allo stesso tempo ruota attorno a un mandrino collegato al piatto. I punti di forza di questo approccio? Eccoli:

  • Silenziosità maggiore: il numero di parti meccaniche è inferiore, e quindi il rumore generato dal motore è decisamente minore
  • La cinghia provvede anche a smorzare le eventuali vibrazioni del motore, che quindi non genera interferenze
  • Nei modelli di buona qualità, questo tipo di apparecchi restituisce buona parte delle informazioni sonore

La maggioranza degli apparecchi top di gamma si appoggiano a un funzionamento a cinghia, se si vuole più artigianale ma capace di offrire una resa sonora spesso più intensa. Il delizioso giradischi Pro-ject Elemental, così come tanti altri esponenti del catalogo Pro-Ject, sfruttano proprio un meccanismo a cinghia.

Trazione diretta o cinghia? ? Pro e contro

Dopo aver illustrato brevemente come funzionano i due meccanismi, la domanda rimane: meglio trazione diretta o cinghia? Per avere una visione d'insieme ancora maggiore, è bene concentrarsi un po' su quelli che sono i difetti e i maggiori pregi delle due alternative citate. Cominciamo con i giradischi a trazione diretta:

Pregi trazione diretta Difetti trazione diretta
Meno soggetti a usura Più rumorosi
Possono ruotare in tutti e due i versi Il motore, a diretto contatto col piatto, può generare interferenze
Mantengono una velocità costante La resa sonora può essere inferiore a causa delle vibrazioni

Questi, invece, pro e contro dei sistemi con trasmissione a cinghia:

Pregi tramissione a cinghia Difetti trasmissione a cinghia
Alto livello di silenziosità La cinghia prima o poi va sostituita
Meno interferenze e vibrazioni La velocità di riproduzione può variare
Resa sonora potenzialmente più ricca  

Sulla questione della cinghia dei giradischi abbiamo dedicato uno speciale apposito, nel quale spieghiamo brevemente anche come sostituire questo importantissimo accessorio. Si tratta di una operazione non particolarmente complessa, che però deve essere eseguita con attenzione. Una cinghia troppo lunga o troppo larga potrebbe portare a problemi di rotazione, e quindi di velocità di esecuzione.

D'altra parte, è anche vero che le cinghie sono fatte per durare anni. La longevità di questo elemento, in ogni caso, dipende per forza di cose anche dalla frequenza di utilizzo del proprio giradischi.

Come orientarsi tra le due tecnologie?

Per un ascolto di qualità, è importante che tutto il giradischi sia progettato in maniera impeccabile. Il meccanismo di funzionamento è un parametro importante, ma spesso non fondamentale. Quello che conta è che il giradischi suoni bene per i propri gusti, le proprie esigenze.

I modelli a cinghia, d'altra parte, sono quelli più diffusi, e quindi è molto probabile che la scelta del proprio giradischi - specie se è la prima volta che si acquista un dispositivo simile - ricadrà su questa specifica soluzione. A meno che non siate DJ: in questo caso, la trazione diretta rimane la scelta più indicata.

Quale giradischi automatico scegliere?

Nella discussione che verte su cosa preferire tra trazione diretta o cinghia spesso spunta la domanda: quale giradischi automatico scegliere? Va specificato, è bene dirlo, che si sta parlando di argomenti differenti.

Il meccanismo di rotazione del piatto non è direttamente collegato al modo di funzionamento dell'apparecchio. I giradischi automatici prevedono una dinamica molto semplice: basta premere un tasto, e il braccio si andrà a posizionare da solo sul piatto. A differenza dei modelli manuali, dove l'operazione deve essere effettuata in prima persona. Nel nostro speciale sui giradischi automatici offriamo una breve lista di modelli tra cui scegliere. Il messaggio, però, deve essere chiaro: un giradischi automatico può essere sia a cinghia che a trazione diretta.

L'offerta di giradischi di HiFi Prestige

Scegliere un giradischi è un passo importante, specie se si è alle prime armi e non ci si è ancora orientati bene tra marchi, modelli e tecnologie. Potete aiutarvi con gli articoli del nostro blog, che nella sezione "Giradischi" include approfondimenti su tutto quello che riguarda il mondo del vinile.

Per qualsiasi altra informazione, siamo sempre disponibili al 335 6672281. Se avete già le idee piuttosto chiare, invece, vi rimandiamo al nostro catalogo di giradischi, dove potrete scegliere il vostro prossimo apparecchio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.