Amplificatore Transistor: cos’è (e differenze coi Valvolari)

Amplificatore a transistor: cos'è, quando e perché comprarlo

Affiancare un buon amplificatore ai propri diffusori è di vitale importanza. La scelta, in questo campo, è spesso segnata da un dubbio: meglio preferire un amplificatore a transistor, o indirizzarsi verso un valvolare?

La scelta dipende da diversi fattori, non solo legati esclusivamente al sound che si vuole ottenere. In passato abbiamo già approfondito tutti i segreti degli amplificatori valvolari. Oggi, invece, ci dedichiamo alle alternative a transistor, cercando di capire quando e perché conviene acquistarle.

Cos’è un amplificatore a transistor?

Come suggerisce il nome, un apparecchio di questo tipo sfrutta i transistor per amplificare il segnale audio.

Il transistor in sé è un simbolo della tecnologia che avanza. Ha sostituito le valvole elettroniche in molti apparecchi, e ha dalla sua numerose caratteristiche positive. Difatti, un transistor è un tripolo, ovvero un componente attivo che, una volta alimentato, è capace di manipolare il segnale in ingresso. Il transistor BJT (Bipolar Junction Transistor) è la tipologia più diffusa.

Non ci interessa scendere nei dettagli più tecnici. Appare più utile concentrarsi invece sulle caratteristiche degli amplificatori di questa categoria. Che sono in molti casi di classe B. Come spiegavamo nella nostra guida alle classi degli amplificatori, si tratta di alternative di sicuro valore, che si differenziano dalla classe A (tipica dei valvolari) per differenti livelli di potenza e funzionamento.

Nell'articolo citato, ad esempio, sottolineavamo come i classe B siano in grado di fornire potenze elevate, a costo però di una maggiore distorsione. Anche per questo motivo, è bene operare una attenta fase di regolazione di parametri e impostazioni, al fine di evitare disturbi durante la riproduzione audio.

Come funziona un amplificatore di questo tipo?

L'amplificatore a transistor Xindak xa6800r(ii)

Di base, abbiamo detto che una delle tipologie di transistor più comuni è la BJT. Si tratta di un sistema che implementa un metodo bipolare a giunzione. Sul mercato, però, sono presenti anche amplificatori con transistor FET, che impiegano il cosiddetto sistema di effetto a campo. La differenza tra questi due sistemi riguarda sostanzialmente la tipologia di componenti interni.

In ogni caso, gli amplificatori di questa tipologia si caratterizzano per l'alta impedenza in entrata, e una bassa impedenza in uscita. Il loro funzionamento, meno "delicato" di quello di un amplificatore valvolare, si traduce in un prezzo finale generalmente più economico, e anche in dimensioni minori. La fragilità delle valvole viene sostituita poi da una struttura interna più solida, e quindi più longeva.

I vantaggi di un amplificatore a transistor

Sebbene sia spesso considerato di qualità inferiore rispetto a un amplificatore valvolare, anche un apparecchio a transistor ha dalla sua innegabili vantaggi. Ecco i più importanti:

  • Resistenza: l'assenza di componenti particolarmente delicati fa sì che gli amplificatori a transistor siano piuttosto longevi. Per lo stesso motivo, sono utilizzabili in condizioni estreme, ad esempio all'aperto;
  • Dimensioni: può sembrare un particolare secondario, ma gli ampli di questo tipo spesso presentano dimensioni compatte, e quindi possono essere trasportati in maniera più semplice rispetto ai valvolari;
  • Design: l'assenza delle valvole consente spesso di ottenere un'estetica più originale, magari di stampo meno classico ma comunque affascinante;
  • Qualità/prezzo: le alternative a transistor sono comunemente più economiche, e quindi alla portata pure di semplici appassionati.

Amplificatore transistor o valvolare: che differenza c’è?

Il confronto tra valvolare e transistor è un argomento che non manca di suscitare opinioni contrastanti. La maggior parte degli appassionati è d'accordo nel preferire un amplificatore valvolare quando i parametri più importanti sono la qualità dell'esecuzione e la bellezza del design. Sono più ingombranti e più delicati, e vanno saputi usare, ma il loro fascino è innegabile.

E d'altra parte, gli amplificatori a transistor mostrano difetti che i loro "colleghi" valvolari spesso non hanno. Le possibili imperfezioni del suono, le distorsioni. È anche vero che in alcune specifiche situazioni si potrebbe pure preferire un suono più "sporco". Ad esempio se si è amanti di generi musicali dove la pulizia non è considerata il fattore più importante.

Prendendo come riferimento i prezzi, è facile dire che un amplificatore valvolare è più che altro un prodotto adatto a professionisti, o ad appassionati che possono contare su un budget particolarmente importante. Al contrario, i transistor possono dare grandi soddisfazioni a chi deve stare più attento al portafogli.

Qual è il migliore amplificatore a transistor?

L'amplificatore a transistor Aune X2

Il migliore amplificatore a transistor è quello che suona bene per i propri gusti, le proprie esigenze e il proprio genere di musica preferito. È un'affermazione se si vuole generica ma, allo stesso tempo, particolarmente vera.

Sono diversi gli apparecchi che potremmo citare come esempio per mostrare le qualità dei transistor. Ne scegliamo uno un po' originale, l'Aune X2. Un integrato con tecnologia digitale in classe D, quindi particolarmente efficiente. È piccolo, come si addice a un apparecchio a transistor, e con i suoi 30 W per canale può essere facilmente impiegato anche in case piccole. Installabile sia in verticale che in orizzontale, pesa appena 2 KG.

Non bisogna dimenticare che esistono modelli a transistor di fascia premium. Il che significa che il costo può aumentare anche di molto. Come nel caso dello Xindak xa6800r(ii), un integrato di classe A pura che abbina dimensioni compatte a una elevata qualità complessiva.

Ovviamente si tratta di esempi un po' estremi, ma fanno capire in qualche modo quali siano le peculiarità dei transistor. Sicuramente esistono modelli più grandi e più costosi, ma di norma le proposte in questa categoria di prodotti non superano quasi mai il prezzo dei valvolari.

L’offerta di amplificatori di HiFi Prestige

Scegliere il vostro prossimo amplificatore valvolare o a transistor su HiFi Prestige è particolarmente semplice. Una volta raggiunta la sezione amplificatori del nostro catalogo, avrete modo di verificare tutte le proposte legate a:

  • Amplificatori integrati;
  • Amplificatori finali;
  • Preamplificatori;
  • Sintoamplificatori A/V;
  • Accessori per amplificatori;
  • Amplificatori per cuffie.

Per qualsiasi informazione, infine, potete comunicare facilmente con noi tramite email (info@hifiprestige.it) e telefono (335 6672281).

Ultime dal Blog

Visita il Blog

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.